Author Topic: Snowden, Ue chiede "spiegazioni immediate" agli Stati Uniti  (Read 1627 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

enrica

  • Guest
Snowden, Ue chiede "spiegazioni immediate" agli Stati Uniti

Il comunicato dopo le indiscrezioni di stampa su un spionaggio sistematico ai danni dell'Europa e delle sue istituzioni da parte della Nsa. Berlino: "Vicenda da Guerra Fredda". Guardian rimuove l'articolo su presunta collaborazione con gli Usa di 7 Paesi, Ue tra cui l'Italia.


BRUXELLES - L'Unione europea ha chiesto immediate spiegazioni agli Stati Uniti sulle informazioni filtrate sulle stampa di uno spionaggio sistematico ai danni dell'Europa e delle sue istituzioni da parte dell'agenzia americana Nsa. Lo riferisce un comunicato della Commissione europea. "Abbiamo preso immediatamente contatto con le autorità americane a Washington e Bruxelles, chiedendo loro spiegazioni sulle informazioni di stampa. Le autorità americane hanno detto che verificheranno l'esattezza delle informazioni pubblicate ieri e ci daranno conto".

SPIEGEL: "USA CONTROLLAVANO GERMANIA". Sale la tensione tra Germania e Usa: secondo informazioni esclusive del quotidiano tedesco Spiegel, l'agenzia per la sicurezza statunitense Nsa ha tenuto sotto controllo ogni mese circa mezzo miliardo di comunicazioni internet e telefoniche, molto più di quanto finora noto. Secondo lo Spiegel, l'Nsa considera la Germania come un obiettivo sensibile del terrorismo internazionale.

"SE SPIONAGGIO E' VERO, COME GUERRA FREDDA". La ministra tedesca della Giustizia, Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, ha reagito con sgomento alle ultime notizie. "Se saranno confermate, la vicenda ricorda l'atteggiamento che si teneva tra nemici durante la guerra fredda. E' inconcepibile che i nostri amici negli Usa considerino gli europei come nemici". Gli Usa, ha aggiunto la politica tedesca, devono chiarire immediatamente se le notizie sulle intercettazioni in Germania e in Europa sono vere o no. "Non è accettabile che gli americani spiino così intensamente gli europei. Se le rappresentanze Ue a Bruxelles e a Washington sono state davvero spiate dai servizi segreti statunitensi, la questione difficilmente potrà essere spiegata solamente con l'argomento della lotta al terrorismo".

GUARDIAN RIMUOVE PAGINA SU PASSAGGIO INFORMAZIONI UE-USA. Il Guardian, invece, ha fatto un passo indietro rimuovendo la pagina comparsa ieri sera sul suo sito web, con la notizia di un accordo per il passaggio di informazioni riservate da Paesi europei, Italia inclusa, all'agenzia americana Nsa. Lo segnala il Telegraph su un blog sottolineando che ciò è accaduto in quanto "la fonte della notizia non risulta affidabile". Il blogger del Telegraph rileva come la fonte citata dal Guardian per quest'ultimo sviluppo relativo al Datagate, Wayne Madsen, sia un personaggio dalle singolari convinzioni che in passato sembra aver fatto sue fantasiose teorie del complotto.

FONTI 007: COLLABORAZIONE SOLO SU TERRORISMO. E' falso che l'Italia abbia passato dati personali agli Usa così come scritto dal Guardian: lo riferiscono fonti degli 007 italiani che parlano di collaborazione in funzione antiterrorismo ma non per la consegna di dati personali. Una "falsità" veicolata da "un personaggio inaffidabile": così le fonti dell'intelligence italiana definiscono Madesn, il luogotenente della Marina Usa che ha lavorato per la Nsa, secondo il quale anche l'Italia collaborerebbe con gli Stati Uniti nella raccolta di dati personali. La collaborazione tra servizi italiani e quelli di altri Stati, rilevano le stesse fonti, naturalmente esiste ed è stata potenziata dopo l'11 settembre, ma "riguarda la difesa del nostro Paese da azioni terroristiche e dei nostri contingenti all'estero, non certo la raccolta e la condivisione di banche dati personali che peraltro è anche vietata dalla nostra legge".

domenica, 30 giugno 2013

http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-cc029310-5411-4613-be24-bb3a4e39117c.html?refresh_ce