Author Topic: La corte marziale di Bradley Manning  (Read 1288 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline _Olly_

  • Full Member
  • ***
  • Posts: 146
La corte marziale di Bradley Manning
« on: December 01, 2012, 13:18:11 PM »
http://mondo.panorama.it/obamamania/La-corte-marziale-di-Bradley-Manning

Panorama

La corte marziale di Bradley Manning

Il soldato accusato di aver fornito migliaia di file a Wikilieaks, agli arresti dal 2010, compare per la prima volta in pubblico all'udienza nel tribunale della base militare di Fort Meade. Chiederà di essere scarcerato dopo quasi due anni di detenzione in condizione inumane


Attivisti davanti a Fort Meade (LaPresse//Patrick Semansky)

di Michele Zurleni

Il calendario sul sito della campagna per la sua liberazione (FreeBradleyManning) segna il giorno numero 914. Gli appelli si moltiplicano. Intellettuali e artisti (in prima fila il regista Michael Moore), Premi Nobel per la Pace come il vescovo sudafricano Desmond Tutu, attivisti, semplici cittadini: sono decine le persone che si sono mobilitate per il ragazzo del Mid West di 24 anni.

Dopo quasi due anni senza processo, incarcerato con 22 capi d'accusa che gli pendono sulla testa come una spada di Damocle, tra cui uno - collaborazione con il nemico - che potrebbe portarlo a una condanna all'ergastolo, Bradley Manning, partito per la guerra in Iraq come volontario e diventato il Nemico Numero Uno per i generali americani dopo aver fornito - dice l'accusa - migliaia di rapporti militari e più di 250.000 documenti del Pentagono e del Dipartimento di Stato a Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, compare in questi giorni, per la prima volta, in pubblico, davanti alla Corte Marziale di Fort Meade.

Per tutta la settimana e fino a domenica, il soldato che era stato originariamente messo sotto inchiesta per aver fatto arrivare nella mani di Assange il video che mostrava l'uccisione di due cameraman della Reuters da parte di un elicottero americano in Iraq, presi per terroristi perché i militari Usa avevano scambiato una telecamera sulle spalle per un lancia missili, sarà presenze alle udienze. Fuori dal tribunale, alcune decine di attivisti che ne chiedono la liberazione. Dentro, i suoi avvocati, si batteranno per arrivare alla sua scarcerazione a causa delle condizioni inumane nelle quali è stato finora imprigionato .

Si tratta di una serie di udienze che devono stabilire se il giovane possa essere rimesso in libertà per essere stato trattato ingiustamente. La difesa spera che una sentenza in questo senso potrebbe portare all'annullamento del processo per i 22 capi d'accusa, ma è molto difficile che ciò avvenga. La tesi del collegio difensivo è che Bradley Manning abbia già pagato il suo (presunto) debito con la giustizia. Esistono alcuni precedenti che hanno portato alla scarcerazione per motivi "umanitari" di un militare detenuto: l'ultimo risale al 1956, quando un soldato venne liberato dopo un periodo ai lavori forzati, ma alla fine, la sua pena venne solo ridotta, non annullata.

Secondo i suoi legali, di fatto, Bradley Manning è stato sottoposto a tortura. Costretto a svegliarsi ogni cinque minuti, o a dormire nudo, controllato con continue e improvvise ispezioni, il soldatro avrebbe passato in questi condizioni un anno nel carcere dei marines di Quantico, in Virginia. le condizioni sarebbero migliorate dopo le denunce dei suoi avvocati e il trasferimento a Fort Leavenworth, in Kansas. Ma non di molto. La sofferenza e la pressione fisica e mentale a cui è satto sottoposto è stata notevole. Guardato a vista  per il timore che possa commettere suicidio (ma secondo i suoi legali anche questo regime farebbe parte del trattamento inumano a cui è sottoposto), Manning tenuto in una cella nella quale non può tenere effetti personali, non può usare lenzuola e cuscino (ma ha a disposizione due coperte) e dove non può leggere libri o giornali.

In questi anni, sono state molte le petizioni per arrivare alla sua liberazione. Sono state mandate anche a Barack Obama. ma il presidente non ha voluto rispondere. Il destino di Bradley Manning è nelle mani dei militari americani.