Author Topic: Censura in Ecuador: Niente WikiLeaks e niente BananaLeaks  (Read 925 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline jujyjuji

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 1204
Censura in Ecuador: Niente WikiLeaks e niente BananaLeaks
« on: October 08, 2014, 13:42:29 PM »
Censura in Ecuador: Niente WikiLeaks e niente BananaLeaks

Questo articolo è stato tradotto da un traduttore volontario. Né Wikileaks né il WikiLeaks Supporters Forum sono da ritenersi responsabili per eventuali errori. Il lettore è invitato di controllare egli stesso la fonte originale nel link sottostante, e di commentare se ci sono errori o interpretazioni sbagliate. Nel caso venisse identificato un errore cercheremo di correggerlo.

This article has been translated by a volunteer translator. Neither WikiLeaks nor The WikiLeaks Supporters Forum shall be held accountable for errors. The reader is welcome to check him/herself the original source linked below, and to comment if there is an error or misinterpretation. If an error is identified we shall endeavour to correct it.

Post sul forum: http://www.wikileaks-forum.com/ecuador/467/censure-en-equateur-pas-de-wikileaks-ni-de-bananaleaks/31806/
Fonte: http://blogs.mediapart.fr/blog/laurie-fachaux/160213/censure-en-equateur-pas-de-wikileaks-ni-de-bananaleaks

---

Censura in Ecuador: Niente WikiLeaks e niente BananaLeaks

16 Febbraio 2013 | di Laurie Fachaux

Il fondatore di WikiLeaks è protetto dal governo di Rafael Correa.

Senza molta suspense, il presidente dell'Ecuador si gioca la rielezione domani e una delle sue strategie consiste nell' imbavagliare la stampa di opposizione.


Sito hackerato di Bananaleaks © 28 gennaio 2013 El Universo

Bananaleaks è il nome scelto da un gruppo di giornalisti investigativi che vogliono pubblicare on line quello che Wikileaks non dice sull' Ecuador. Trincerato presso l'Ambasciata dell'Ecuador a Londra da quasi otto mesi, non sarà Julian Assange a rivelare cablo incriminanti per l'attuale governo ecuadoriano. Sì alla libertà di parola, ma non a qualsiasi prezzo.

Colui che ha pubblicato on line informazioni riservate sul governo americano rischia di essere estradato negli Stati Uniti o in Svezia, dove è accusato di stupro e violenza sessuale.

Perché BananaLeaks?

Julian Assange ha trovato rifugio presso un "anti-USA", nella persona di Rafael Correa. E quest'ultimo può esser certo di stare tranquillo, o quasi.
Alcuni giornalisti hanno creato BananaLeaks nel mese di gennaio. In particolare, questo sito ha rivelato la presunta esistenza di due conti bancari svizzeri appartenenti a Rafael Correa. Il 28 gennaio, il giorno dopo la pubblicazione di questo articolo, il sito è stato hackerato. Non è stato più accessibile da allora.

In Ecuador, non dimentichiamo, la stampa non è libera. La censura va anche oltre i confini del paese: Rafael Correa non esita a vietare la proiezione di documentari negli Stati Uniti o su YouTube, quando non gli conviene.

E secondo il regista del documentario "Rafael Correa: Ritratto di un padre della patria", "alcuni media in Ecuador non hanno neanche voluto che spedissi loro una copia del film. Avevano paura che il governo lo scoprisse durante una ricerca".

Dopo la fine prematura di Bananaleaks, è emerso su Twitter Papayaleaks. Bananaleaks è poi risorto dopo aver cambiato il .com in .co (essendo .co l'estensione dei nomi dei domini colombiani).

Censurata persino la campagna elettorale


Per il momento, BananaLeaks.co non è stato più hackerato. Domani, Rafael Correa dovrebbe essere rieletto Presidente per la seconda volta contro altri sette candidati. Miracolo della nuova sinistra latinoamericana?
In parte, ma bisogna anche ricordare che dal 4 febbraio 2012, i media non hanno più il diritto di né organizzare dibattiti, né di produrre report "che tendano, direttamente o indirettamente, verso un candidato, un'opzione o una tesi politica".

Secondo Rafael Correa, è semplicemente "per evitare che i media privati ​svolgano la propria campagna e impongano la propria agenda." ottimo. Ma si può immaginare una campagna presidenziale in Francia senza alcun dibattito organizzato da Mediapart, TF1, BFM o Europa.1?
« Last Edit: October 08, 2014, 13:49:21 PM by jujyjuji »